> > Disposizioni di una cucina: tutte le tipologie d'arredo dello spazio più importante della casa

Disposizioni di una cucina: tutte le tipologie d'arredo dello spazio più importante della casa


Categoria: disposizioni in cucina
Disposizioni di una cucina: tutte le tipologie d'arredo dello spazio più importante della casa

 

Disposizioni di una cucina. In che modo disporre una cucina? Come allestirla a seconda della forma e delle dimensioni dell'ambiente? Queste sono alcune delle domande più ricorrenti riguardanti la disposizione di una cucina, riguardanti essenzialmente le diverse modalità con cui un ambiente può essere arredato secondo degli schemi "precostituiti".

Precostituiti perchè, al netto delle infinite possibilità di personalizzazione e variazioni sul tema, gli schemi compositivi utilizzati solitamente per l'arredamento di una cucina sono:

-cucina lineare (o con due fronti paralleli).

-cucina ad angolo.

-cucina a "U".

-cucina con penisola.

-cucina ad isola.

Come ti ho accennato prima questi tipi di disposizioni di una cucina dipendono sempre dalla forma e dalle dimensioni della stessa. Infatti, non tutti gli ambienti possono essere arredati allo stesso modo, ma bisognerà valutare, caso per caso, lo schema compositivo più adatto per rendere la cucina funzionale, pratica e di design.

Detto questo, andiamo a vedere più nello specifico come disporre al meglio una cucina secondo le distinzioni principali fatte qualche riga più su.

CUCINA LINEARE. Questo tipo di disposizione cucina è la più comune e conosciuta, adatta ai piccoli spazi ma che ben si adatta anche a quelli grandi, variando solo il numero degli elementi componibili ed eventualmente delle attrezzature. In una cucina lineare, gli elementi d'arredo vengono posizionati lungo una sola parete, mentre viene lasciato libero uno spazio per spostarsi. La cucina lineare è quella che sintetizza più di tutte l'idea del lavoro in cucina come ad un'ipotetica catena di montaggio. Zona cottura e zona lavaggio saranno quindi poste al centro della parete, mentre la zona conservazione verrà collocata ad uno dei lati della composizione.

disposizioni di una cucina. Cucina lineare

In questo tipo di schema bisognerà considerare con particolare attenzione lo spazio per il passaggio e per la comodo apertura delle ante (1 m almeno tra parete attrezzata e muro di fronte) e, specie se la parete è lunga, bisognerà sfruttare lo spazio in altezza per dotarsi del giusto volume di contenimento.

CUCINA LINEARE DOPPIA. Altro esempio di disposizione cucina lineare è quella collocata su due fronti paralleli, adatta ad ambienti di forma allungata ma sufficientemente profonda. In questo tipo di disposizione, possibilmente, le zone funzionali andranno disposte su entrambi i lati, così come i piani di lavoro. Ideale sarebbe collocare su un lato frigorifero e zona lavello e sull'altro l'area destinata alla cottura (piano cottura+forno), allo scopo di ottimizzare i percorsi e ridurli al minimo. Importante sarà valutare la distanza ottimale tra i due fronti, considerando uno spazio minimo di 120 cm e un massimo di 165 cm circa. In questo tipo di cucina il tavolo è un elemento di difficile collocazione, se non prevedendone uno a scomparsa.

disposizioni di una cucina. Cucina lineare due fronti paralleli

CUCINA AD ANGOLO. Probabilmente è la soluzione preferita da chi ha un unico ambiente da destinare alla cucina e alla zona pranzo. La disposizione cucina ad angolo è adatta sia in ambienti di dimensioni ridotte, sia in ambienti piuttosto ampi, nei quali posizionare il tavolo all'angolo opposto. In ogni caso, la disposizione ideale dei moduli e delle aree di lavoro vedrà frigorifero e piano cottura posti alle due estremità della composizione e in posizione centrale il lavello, a fare da "baricentro". In tal modo, si realizzerà un triangolo di lavoro molto efficiente, e questo renderà più agevoli le attività giornaliere di preparazione dei pasti. In fase di progettazione, per le cucine con angolo, bisognerà verificare la regolarità dello stesso (90 gradi); in caso contrario, si dovrà ricorrere ad elementi su misura, e cioè basi, pensili ed eventualmente colonne.

disposizioni di una cucina. Cucina ad angolo

CUCINE A "U". La disposizione cucina a U sono adatte in ambienti di medie/grandi dimensioni. Ottimale in questo tipo di soluzione è prevedere lavello e piano cottura posti l'uno di fronte all'altro mentre il frigorifero dovrà essere posizionato lato lavello, lontano quindi da fonti di calore. In questa tipologia di cucina è importante valutare le distanze tra i lati, per favorire i movimenti, le aperture delle ante e l'utilizzo degli elettrodomestici. In questi casi, una distanza compresa tra i 120 e i 165 cm, è già sufficiente a garantire all'utilizzatore una certa fluidità negli spostamenti.

disposizioni di una cucina. Cucina a U

CUCINA CON PENISOLA. Ponte perfetto con la zona living, la disposizione cucina con penisola è la soluzione ideale in caso di ambienti open space. La penisola è un elemento versatile, che può essere configurato sia come un piano di lavoro "operativo" (con lavello e/o piano cottura) o semplicemente come un bancone snack in cui consumare agilmente i pasti in famiglia. In tal caso, la disposizione ottimale sarebbe avere la zona cottura vicino al "tavolo" mentre lavello e frigorifero posizionati sul lato opposto. La soluzione con penisola si presta bene anche all'allestimento di spazi ristretti, in quanto è proprio il bancone a prendere il posto del classico tavolo a centro stanza. L'altezza del piano sarà pari a quello del top della cucina (90 cm circa da terra), quindi, rispetto ad un tavolo normale (76 cm) l'utilizzo della penisola avrà bisogno non di sedie ma di sgabelli con appositi poggiapiedi.

disposizioni di una cucina. Cucina con penisola

CUCINA CON ISOLA. La disposizione cucina con isola, invece, è la scelta ideale quando l'ambiente destinato alla cucina è molto ampio e spazioso. E' una soluzione d'arredo di grande livello, perchè ricorda quelle delle cucine dei grandi chef a livello internazionale. L'sola è il fulcro della cucina, ed è un elemento che può fungere, come nel caso della penisola, sia da zona operativa (ospitando piano cottura e/o lavello), oppure, al contrario, da piano d'appoggio per la preparazione o consumazione dei pasti. Accogliere gli elettrodomestici nella zona isola significherà non preoccuparsi dei loro ingombri nello sviluppo e nell'arredo del resto della cucina, configurabile in tanti modi: come una "L"( nella quale avere piano di lavoro e pensili ai lati del blocco isola, lavello frontalmente e infine frigorifero) o come due fronti paralleli, in cui avere frontalmente capienti dispense a colonna oppure una parete attrezzata con una o entrambe le aree di lavoro.

disposizioni di una cucina. Cucina con isola

L'unico "problema" dell'isola è che tutto è vincolato alla progettazione degli impianti (acqua, gas, elettricità) e alla relativa fattibilità: ove non sia possibile portare una linea del gas, ad esempio, bisognerà optare per un piano ad induzione, considerando che, al contrario, vi sarebbe il bisogno anche di uno scarico fumi e di una linea elettrica per la cappa e l'illuminazione del piano con i fuochi.

Torna indietro
Vuoi evitare le attese in negozio?
allo 06.86764223 o tramite form
Vieni a trovarci nel nostro showroom Aperto TUTTI I GIORNI in Via Jacopo Passavanti, 69/c a Roma
dal lunedì al sabato
09.30 - 13.00
16.00 – 19.30
la domenica
10.30 – 13.00
17.00 – 19.30
Ragione Sociale: Design 360 S.r.l.
Sede legale:
Via Domenico Cavalca, 134 - 00139 Roma
Showroom:
Via Jacopo Passavanti, 69/c - 00139 Roma
Tel: 06.86764223
P.IVA: 13485341005