> > Quale anta scegliere per la cucina? Tipologie e consigli utili per l'acquisto

Quale anta scegliere per la cucina? Tipologie e consigli utili per l'acquisto


Categoria: Scelta anta cucina
Quale anta scegliere per la cucina? Tipologie e consigli utili per l'acquisto

 

Quale anta scegliere per la cucina. Come sai, esistono diverse tipologie di ante disponibili sul mercato, differenti l'una dall'altra per caratteristiche o proprietà tecniche (materiale di produzione, manutenzione) o per aspetto estetico (ovvero gamma di colori e finiture disponibili). E' quindi vero che, mai come oggi, le ante per cucina possono soddisfare esigenze molto diverse, di stile, economiche e di gusto.


Vediamo quindi di analizzare una ad una le tipologie di anta più popolari disponibili sul mercato, affinchè tu possa sapere quale anta scegliere per la cucina.

QUALE ANTA SCEGLIERE PER LA CUCINA: IL LACCATO

Il laccato è una delle tipologie più conosciute e amate sul mercato dell'arredo cucina. Si tratta di una finitura moderna ed elegante, disponibile in diverse versioni (lucida, opaca, goffrata, satinata).  Ma arriviamo subito al dunque. Qui la domanda è: cosa differenzia l'anta laccata dalle altre? O meglio: a cosa bisogna prestare attenzione prima di scegliere un'anta laccata?

Devi sapere innanzitutto che l'anta laccata viene realizzata mediante verniciatura. Essendo dunque una verniciatura applicata, essa può essere realizzata lavorando o un pannello in truciolare oppure in MDF.

quale anta scegliere per la cucina

Il primo consiglio importante è che è preferibile che il pannello sia del secondo tipo (in MDF), in quanto la sua superficie (pressata a media densità) è più dura e liscia, e possiede ottima stabilità dimensionale e compattezza lungo i bordi.

In poche parole, il pannello MDF riesce a dare all'anta un aspetto perfettamente planare, tipico di una buona superficie laccata. Oltre al "cosa" si lacca però, è importante anche il "quanto" si lacca". Infatti, la qualità di un'anta laccata dipende anche dal quantitativo di vernice utilizzata nella verniciatura.

In questo senso devi sapere che:

-il laccato più economico è spesso fatto con due sole mani di vernice.

-quello meglio lavorato prevede sempre tra le 3 e le 7 mani.

Questo inciderà soprattutto sulla resistenza della laccatura nel corso del tempo, soprattutto per quanto riguarda la possibilità che la superficie possa scolorire o ingiallirsi.

QUAL'E' LA LACCATURA MIGLIORE?

Se stai cercando un pannello ben laccato, ecco un altro spunto interessante: scegli sempre un'anta verniciata sia con vernici poliestere (indurenti), sia con vernici poliuretaniche (infine, spazzolata e levigata). Questo perchè, come detto, l'anta così avrà una superficie perfettamente piana e priva di imperfezioni. Questo invece non succede se il pannello è realizzato attraverso semplice laccatura diretta, un processo che non elimina le polveri di verniciatura, e che ritroverai di conseguenza nel pannello stesso (te ne accorgi se i bordi presentano una sorta di "buccia d'arancia"). Anche la laccatura spazzolata, benchè elimini le polveri, non fa altrettanto con le imperfezioni della superficie legnosa.

MANUTENZIONE ANTA LACCATA

Non essendo un foglio applicato (come nel caso del laminato), il laccato è una finitura che andrà trattata con particolari accortezze. Per la pulizia ordinaria, panno morbido, acqua e sapone neutro. Assolutamente da eviatare spugne o pagliette metallicche, acidi, alcool, sgrassatori aggressivi e tutto ciò che protrebbe rigare la superficie.

LE ANTE IN LAMINATO

Se la tua idea è quella di possedere una cucina pratica, robusta, che duri nel tempo, l'anta in laminato rappresenta senza dubbi un'ottima scelta, considerando un rapporto qualità/prezzo a dir poco imbattibile. Economicità, funzionalità, estetica: questo è il motivo per cui l'anta in laminato è la più diffusa nelle cucine degli italiani.

Del resto si tratta della tipologia di anta più versatile in circolazione, perchè può riprodurre svariati effetti materici (in primis legno e pietre naturali) oppure presentare "sperimentazioni" interessanti con materiali di nuova generazione (come ad esempio il Fenix o il PET).

quale anta scegliere per la cucina

Tra le ante in laminato si possono annoverare anche i materiali polimerici, pannelli MDF rivestiti in PVC, materiale plastico molto utilizzato nell'industria del mobile, resistente ad urti e liquidi ma non al calore.

Ricorda quindi che il laminato si distingue per una serie di importanti caratteristiche, tra le quali:

-praticità di utilizzo e facilità di pulizia.

-varietà di finiture.

-igiene (è infatti una superficie antistatica, non assorbe liquidi e possiede buone capacità antibatteriche).

-resitenza ad urti, umidità e calore.

Ecco perchè bisogna sempre acquistare un laminato di buona qualità. Infatti, il tipo di resina, l’efficacia dell’impregnazione e la protezione superficiale realizzata dalle carte impregnate possono essere infatti molto diverse fra loro. Questo è il motivo per cui, con prodotti molto economici ci può essere il rischio di ritrovarsi in breve tempo con graffi, segni di usura o addirittura con rigonfiamenti determinati dalla penetrazione di liquidi e/o vapore all’interno del pannello.

La tipologia migliore è quella HPL, ottenuta pressando contemporaneamente più fogli impregnati di resine melaminiche.

MANUTENZIONE ANTA LAMINATO

Basta un panno morbido inumidito con acqua e sapone neutro per la pulizia ordinaria, detergenti specifici per lo sporco più ostinato, aceto per le macchie di calcare e spugnette morbide.

ANTE IMPIALLACCIATE

Le ante cucina impiallacciate vengono realizzate attraverso la cosiddetta "impiallacciatura", che consiste nell'applicazione di un foglio sottile di vero legno su pannello truciolare, legno listellare o multistrato.  L'impiallacciato è quindi una finitura che viene utilizzata perlopiù nella realizzazione di cucine moderne o comunque con anta liscia, laddove l'utilizzo del massello non sarebbe auspicabile (in quanto, essendo un materiale "vivo", potrebbe più facilmente creparsi).

Proprio in questo senso, l'impiallacciato, essendo costituito da lamine di legno di pochi millimetri, è molto elastico e capace di eliminare gli svantaggi manutentivi del massello. E' sicuramente tra le finiture più "nobili" e preziose ma ha anche costi sopra la media.

MANUTENZIONE ANTA IMPIALLACCIATA

Si pulisce utilizzando prodotti specifici per il legno, adatti a preservarne la brillantezza. Panno morbido per la rimozione della polvere e cera protettiva da stendere a cadenza regolare.

ANTE IN VETRO

L'anta in vetro è una tipologia molto originale e ricercata, adatta in contesti d'arredo spiccatamente moderni. Questo tipo di anta è costituita da un pannello in vetro temperato (riscaldato cioè ad elevate temperature e poi raffreddato) da 4/6 mm di spessore, applicato generalmente su un telaio in alluminio.


 

Va sottolineato che la tempera del vetro rende questo tipo di anta molto resistente agli urti, quindi adatta anche ad un uso come quello domestico. Ecco perchè, benchè possa sembrare il contrario, il vetro in cucina è in realtà un rivestimento molto funzionale, perchè:

-non assorbe lo sporco.

-non soffre l'umidità, il calore e non si graffia.

Qui però devi fare attenzione alle ante in vetro con costi inferiori alla media: sono realizzate semplicemente incollando il vetro su un pannello in truciolare, aggiungendo quindi pesantezza e tutti i problemi connessi ad una comune anta in laminato.

MANUTENZIONE ANTA IN VETRO

Per l'anta in vetro non vi è bisogno di utilizzare prodotti specifici, basta un panno morbido inumidito con acqua. Da eviatre ovviamente l'utilizzo di spugnette metalliche.

CONSIDERAZIONI IMPORTANTI

Tenuto conto che non esistono materiali indistruttibili, la scelta dei materiali è cosa da valutare con molta attenzione, in quanto il loro aspetto visivo connoterà l'estetica e la personalità della cucina, considerando anche la loro funzionalità, rispetto ovviamente alle esigenze di utilizzo personali.

In questo senso, sulla base di quello che abbiamo detto, dovrai considerare ciò che per te è più adatto valutando:

-la praticità d'uso, in particolare se la superficie è semplice da pulire e con quali prodotti.

-la resistenza agli urti, ai graffi e alla abrasioni in genere.

-la resistenza all'acqua, al calore e al vapore.

 

Torna indietro
Vuoi evitare le attese in negozio?
allo 06.86764223 o tramite form
Vieni a trovarci nel nostro showroom Aperto TUTTI I GIORNI in Via Jacopo Passavanti, 69/c a Roma
dal lunedě al sabato
09.30 - 13.00
16.00 – 19.30
la domenica
10.30 – 13.00
17.00 – 19.30
Ragione Sociale: Design 360 S.r.l.
Sede legale:
Via Domenico Cavalca, 134 - 00139 Roma
Showroom:
Via Jacopo Passavanti, 69/c - 00139 Roma
Tel: 06.86764223
P.IVA: 13485341005